A Trevi il Consiglio nazionale delle Città dell’Olio

118

Trevi è la città scelta dall’Associazione nazionale Città dell’Olio per il proprio Consiglio direttivo. Domani – venerdì 1 giugno – i rappresentati della governance della rete dei 320 territori olivetati italiani, si riunirà alle 15.30 a Villa Fabri per affrontare i temi caldi all’ordine del giorno del Consiglio che raccoglierà le sfide che attendono le Città dell’Olio in autunno, prima fra tutte la seconda edizione della Camminata tra gli Ulivi, evento che lo scorso anno ha visto la partecipazione di ben nove comuni umbri. La scelta di Trevi non è una scelta casuale, è un omaggio alla prima presidenza delle Città dell’Olio nel 1994 e soprattutto, arriva al termine di un percorso che ha visto la Città dell’Olio di Trevi protagonista nel coordinamento regionale delle Città dell’Olio umbre e nella più importante scommessa vinta fini qui dal coordinamento stesso: il riconoscimento della Fascia Olivetata Pedemontana di Assisi-Spoleto nel Registro nazionale dei Paesaggi Rurali Storici. La Città di Trevi è stata, infatti, capofila, insieme ad Assisi, Spoleto, Spello, Foligno e Campello sul Clitunno della candidatura. Il prestigioso riconoscimento da parte del Mipaaf è indubbiamente un traguardo storico per la città, un punto di partenza verso traguardi internazionali quali i riconoscimenti GIHAS della FAO e UNESCO. Un grande impegno profuso dell’amministrazione che in questa opportunità di promozione del territorio ha sempre creduto. 

 

Condividi