Al via la XXI^ edizione della rassegna enologica “Vini di Coros”

476

Quest’anno, oltre che per i viticoltori non imbottigliatori residenti nel territorio dell’ “Unione dei Comuni del Coros” (Usini, Ittiri, Putifigari, Olmedo, Uri, Tissi, Ossi, Muros, Cargeghe, Codrongianos, Florinas e Ploaghe), considerata la richiesta di alcuni viticoltori operanti in altre sub-regioni isolane, la Rassegna è stata estesa anche al “Sassarese”, alla “Romangia” (Sorso e Sennori) e alla “Nurra” di Alghero, riservando loro la 2^ edizione “Extra-Coros” per i soli vini bianchi e rossi secchi. Le 6 Commissioni valutatrici, una per ogni “categoria”, ossia “bianchi amatori” (produzione da 5 a 25 ettolitri), “bianchi produttori” (produzione oltre i 25 ettolitri), “rossi amatori” (produzione da 5 a 25 ettolitri), “rossi produttori” (produzione oltre i 25 ettolitri), “cagnulari” (amatori/produttori oltre 5 ettolitri) ed “extra-Coros” (riservata agli “amatori” e “produttori” di soli vini bianchi e rossi secchi dell’annata 2017), composte da enologi e sommelier, valuteranno i 125 campioni nella mattinata di venerdì 25 maggio, mentre sabato 26 maggio, a partire dalle ore 17.30, presso l’ “Ex-Mà” sito in via Ossi, si terrà l’importante convegno dal titolo “La viticoltura del Coros tra tradizione e innovazione” secondo il seguente programma. Introduce e modera i lavori a cura del Prof. Severino ZARA (Dipartimento Agraria Università di Sassari). Seguiranno i  saluti del Sindaco di Usini Dott. Antonio BRUNDU, del Vice Sindaco/Assessore all’Agricoltura di Usini e componente del Coordinamento Regionale Sardegna dell’Associazione Nazionale “Città del Vino” Giovanni Antonio SECHI e del coordinatore territoriale del “sassarese” dell’Agenzia regionale “L.A.O.R.E. Sardegna” Dott. Antonio MONTINARO. Poi sono previsti gli interventi dei relatori: Dott. Giampaolo Usai (agronomo) che interverrà sul tema: “La viticoltura biologica ed integrata”, il  Dott. Gian Francesco Faedda (urbanista) con la sua relazione dal titolo: “Le vie del “Cagnulari”: un progetto di filiera del vino per il territorio del “Coros”, il Dott. Piero Cella (enologo) che parlerà de “Le potenzialità enologiche del “Cagnulari”, del Dott. Paolo Benvenuti (Direttore generale dell’Associazione Nazionale “Città del Vino”) che interverrà su “Enoturismo e legislazione vitivinicola”. Seguono dibattito e  conclusioni. Subito dopo ci sarà l’ esibizione del “Coro di Usini” e la proclamazione dei vincitori e premiazioni (saranno premiati i primi 3 classificati per ogni “categoria” per un totale di 22 viticoltori).

“La Rassegna Enologica Vini di Coros rappresentò fin dalla 1^ edizione, tenutasi nel 1997, ossia 21 anni fa, la prima vera “Unione dei Comuni” ancorché finalizzata solo alla valorizzazione dei vini dell’intero territorio del “Coros” – ha dichiarato il Vice Sindaco con delega all’Agricoltura del Comune di Usini, nonché componente del Coordinamento Regionale Sardegna dell’Associazione Nazionale “Città del Vino”, Giovanni Antonio Sechi – Mi preme sempre sottolineare che dal 1997 ad oggi, nel nostro Comune si sono succedute 5 Amministrazioni Comunali e tutte, al contrario di quanto avviene di sovente, hanno sempre portato avanti la Rassegna con immutato impegno ed entusiasmo. Questo ha permesso ai viticoltori del territorio una crescita professionale e ai loro prodotti un continuo miglioramento qualitativo che oggi, grazie anche alle circa 12 aziende vinicole presenti nel “Coros” (9 a Usini, 1 a Tissi-Ossi, 2 a Codrongianos), ci permette di essere conosciuti come area geografica vinicola sia in ambito nazionale che internazionale.  Per quanto attiene all’edizione di quest’anno, esprimo la mia soddisfazione, unitamente a quella di tutta l’Amministrazione, per l’apprezzato numero di partecipanti, inferiore di qualche decina rispetto agli anni precedenti, flessione dovuta alla cattiva annata del 2017 che ha causato, mediamente, il 40% in meno della produzione vinicola.   Per tale motivo un sentito ringraziamento va agli attori principali, i viticoltori, che nonostante la citata problematica hanno voluto partecipare con convinzione a questa importante manifestazione che è la 2^ regionale per “anzianità”.  Altri ringraziamenti vanno ai componenti della locale Compagnia Barracellare per la ormai riconosciuta professionalità nella campionatura effettuata in tutto il territorio dei Comuni del “Coros” e del “Figulinas”; ai componenti dell’Agenzia Regionale “Laore – S.U.T. di Sassari” per l’analoga attività effettuata nel territorio della “Romangia” (Sorso e Sennori), nonché ai Sindaci e Assessori all’Agricoltura dei Comuni dell’Unione di “Coros” e della “Romangia” per la collaborazione divulgativa della manifestazione e la sensibilizzazione dei viticoltori operanti nei loro territori. 

Condividi