Benedetto Miscioscia difende l’olivicoltura salentina

1170

CAPRARICA DI LECCE – In merito al servizio diffuso dalla 3webTV a firma di Luigi Russo dal titolo “xilella profezia degli ortaggi,” in cui si sostiene che a Caprarica di Lecce, una delle storiche Città dell’olio della Puglia si sia voluto realizzare un “monumento” dedicato a tale “profezia”, è intervenuto il Coordinatore Regionale della Puglia dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio Benedetto Miscioscia.

“Interpretare in modo distorto la collocazione di un tronco d’ulivo su una rotatoria come “monumento” dedicato ad una presunta profezia attribuita ad un ricercatore del CNR, piuttosto che interpretarla, invece, come opera d’arte di madre natura, mi sembra alquanto irriguardoso nei confronti di una comunità che oltre a spendersi per preservare e valorizzare la propria vocazione olivicola, sta provando sulla propria pelle il dramma di una vera e propria sciagura che si auspica possa essere efficacemente contrastata anche grazie all’impegno che sta profondendo la ricerca scientifica. Al riguardo, si esprime piena solidarietà alla Comunità di Caprarica di Lecce per le infondate illazioni contenute nel servizio, oltre che la propria vicinanza personale anche per l’impegno nel frattempo profuso dal Sindaco Paolo Greco – membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio – di cui si sottolinea la ripresa di un concreto impegno nella promozione del territorio di Caprarica di Lecce, dei suoi prodotti e dell’importante e fondamentale patrimonio olivicolo. L’Associazione Nazionale Città dell’Olio, è testimone di un continuo impegno profuso dall’Amministrazione Comunale di Caprarica dal giugno 2016 per promuovere, salvaguardare e tutelare non solo la produzione olearia ma anche il patrimonio olivicolo sia dal punto di vista colturale e culturale oltre che dal punto di vista storico e produttivo dell’olio, in occasione di diverse iniziative promosse dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio (Camminata tra gli Olivi, iscrizione del Parco della Serra nel Registro nazionale dei paesaggi rurali storici del MIPAAF, BimbOIL, Girolio, etc.)”.

 

Condividi